Torino Ad Arte
Torino Ad Arte

itinerari a torino

ITINERARI IN PROVINCIA

ATTIVITà didattiche

mostre temporanee

LE MERAVIGLIE DEL MONDO.

LE COLLEZIONI DI CARLO EMANUELE I

POLO REALE, DAL 16 DICEMBRE 2016 AL 2 APRILE 2017

La mostra si snoda nella nuova ala al piano terreno della Galleria Sabauda e nei caveaux della Biblioteca Reale, con importanti prestiti di Musei italiani e stranieri.

E' l'occasione per conoscere il collezionismo di Carlo Emanuele I, artefice del primo nucleo di  raccolta di pittura, scultura e oggetti preziosi che fanno oggi parte dei tesori dei Musei Reali di Torino.

 

TIEPOLO E IL SETTECENTO VENETO
FONDAZIONE COSSO, MIRADOLO  DAL 25 FEBBRAIO AL 14 MAGGIO 2017                                                           La mostra vuole essere un'occasione preziosa per ammirare alcuni capolavori di Giambattista e Giandomenico Tiepolo, protagonisti del panorama artistico settecentesco veneto ed europeo. L'esposizione permette di ammirare alcune preziose opere come dipinti, acqueforti e sculture provenienti dalla Pinacoteca di Palazzo Chiericati a Vicenza dei maggiori esponenti dell'arte veneta.

 

COLORI. L'EMOZIONE DEL COLORE NELL'ARTE. KANDINSKY, KLEE E BALLA

GAM, DAL 14 MARZO AL 23 LUGLIO 2017

La mostra vuole essere un affascinante viaggio alla scoperta della nascita e dell'evoluzione del colore nell'arte occidentale e orientale, partendo da opere di artisti del Tantra induista fino a opere di artisti del Novecento. In mostra alcuni capolavori di Kandinsky, Balla, Klee e Russolo.

 

PIETRO PIFFETTI: EBANISTA TRA SCIENZA E ARTE DELL'INTARSIO

PALAZZO MADAMA, DAL 17 MARZO AL 10 LUGLIO 2017

La mostra permette di ammirare alcuni capolavori: dal cofano - forte, alla ribaltina, dal pregadio al tavolino provenienti da diverse collezioni realizzati dal celebre ebanista Pietro Piffetti che, con i suoi intarsi in avorio, tartaruga e metalli preziosi ha reso famosa la produzione dell'ebanisteria piemontese nel Settecento.

 

DALLE REGGE D'ITALIA. TESORI E SIMBOLI DELLA REGALITA' SABAUDA

REGGIA DI VENARIA, DAL 25 MARZO AL 2 LUGLIO 2017                In occasione del decimo anniversario di apertura della Reggia, la mostra vuole essere un omaggio alla dinastia dei Savoia attraverso un percorso espositivo con un centinaio di opere provenienti dalle Regge di tutta Italia. Prestiti importanti del Quirinale, Palazzo Pitti, Caserta che abbracciano un arco temporale tra il 1860 e il 1920. In mostra il prezioso trono del re d'Italia e altri importanti oggetti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

          

 

 

 

 

 

 

I MUSEI DI TORINO

 

Tra le grandi città italiane Torino è una di quelle più ricche di musei artistici, storici e scientifici: vi si trovano tre musei nazionali (Museo del Cinema, dell'Automobile e del Risorgimento) e numerosi altri musei di rilevanza nazionale ed internazionale, primo fra tutti il Museo Egizio, che ospita un'imponente collezione fra le prime al mondo.

 

 

Museo Egizio

 

Il secondo museo al mondo di antichità egizie dopo quello del Cairo, fondato nel 1824 dal re Carlo Felice con l’acquisizione della collezione del piemontese  Bernardino Drovetti formata da 5628 pezzi. La collezione fu poi arricchita dagli scavi effettuati nel ‘900, dall’allora direttore  Ernesto Schiapparelli e da Giulio Farina giungendo a documentare tutta la storia ma soprattutto la cultura e l’arte dell’Egitto antico. Ospitato fin dalla sua nascita nelle sale del “Collegio dei nobili”, palazzo seicentesco, che dal XVIII secolo è anche sede dell’Accademia delle Scienze.

Palazzo Madama

 

Il Museo Civico di arte antica è ospitato all’interno di Palazzo Madama che sorge al centro della Piazza Castello. Il “contenitore” ha una storia millenaria: da porta d’accesso romana a castello medievale, da residenza delle “Madame Reali” a sede del primo Senato del regno. Dal 1932 ospita le collezioni del Museo Civico di arte antica allestite in maniera stratigrafica dall’alto medioevo al barocco. Una posizione privilegiata, dotata di ampia vista sulla città è data alla collezioni di arte decorativa ospitata al secondo piano.

Museo Nazionale del Cinema

 

Il Museo Nazionale del cinema nasce da un’idea di Adriana Prolo, studiosa e appassionata di cinema e di tutto quello che c’è intorno alla settima arte. Si deve all’architetto Cofino l’allestimento all’interno della Mole Antonelliana che con i suoi 197,5 metri di altezza, è uno dei monumenti più interessanti di Torino. Il Museo si sviluppa in altezza, partendo da una stupenda collezione di tutti quegli strumenti che in modi diverso hanno preceduto la nascita del cinematografo: teatri d’ombre, scatole ottiche e lanterne magiche. Da qui si può raggiungere il piano superiore dove si apre l’aula del tempio, un unico grande ambiente di forte impatto circondato da salette che  descrivono i diversi generi cinematografici e poi salire ancora per visitare le sezioni dedicate alla macchina del cinema.

Museo Nazionale dell'Automobile

 

Il Museo dell’Automobile ha di recente cambiato il suo volto. Nato nel 1932, negli ultimi anni è stato soggetto non solo ad una ristrutturazione architettonica ma anche ad un ripensamento generale dell’allestimento in cui si racconta la storia e l’evoluzione dell’automobile ma anche le tematiche sociali legate ad essa, la trasformazione dell’auto da mezzo di trasporto ad oggetto di culto e il pensiero creativo dalle origini fino ai nostri giorni.

Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea

 

Torino è stata la prima città italiana che promosse per il suo museo civico, nato nel 1863 una raccolta di arte moderna. Nasce così la collezione della Gam che ora si compone di 45.000 opere tra dipinti, sculture, istallazioni e fotografie a cui si aggiungono una ricca collezione di disegni e incisioni. Dal 2009 un nuovo allestimento presenta le opere non più in ordine cronologico ma secondo quattro percorsi tematici che cambiano nel tempo, ma che assicurano al visitatore la scoperta dei capolavori presenti nella collezione.

Museo Nazionale del Risorgimento

 

Fondato nel 1878 dopo la morte di Vittorio Emanuele II è il più antico museo di storia patria e l’unico ad essere dal 1901 nazionale. Completamento rinnovato nel nuovo allestimento appena terminato, il museo presenta in 30 sale il risorgimento  in chiave europea  oltrechè torinese, piemontese e italiana. Ospitato nel seicentesco Palazzo Carignano di Guarino  Guarini, conserva ancora intatta e come è stata lasciata dall’ultima seduta la  Camera dei deputati del Parlamento subalpino, unica ancora esistente in Europa.

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© torinoadarte di Elena Giglia